Bruno Tognolini
UFFICIO POETICO

Ideazione, scritture, realizzazioni nell'ambito di festival, eventi, progetti


Festival Tuttestorie di letteratura per ragazzi - Sesta edizione
NON DIRLO A NESSUNO! - Racconti, visioni e libri per svelare segreti
Cagliari, 6/7/8/9 ottobre 2011. A cura della Cooperativa Tuttestorie, in collaborazione con Bruno Tognolini e Vittoria Negro

Alla pagina del Festival 2011
Alla Home Page







VISTI DAL BUCO DI FIABA
Tavole di FRANCESCA AMAT su brani di fiabe tradizionali selezionati da BRUNO TOGNOLINI


Exmà, ogni giorno, visite guidate e narrate dai Volontari del Festival
Il segreto dello sposo animale, che di notte è un bellissimo giovane ma non si deve sapere, il segreto dell'ultima stanza che non si deve aprire, del nome segreto che nessuno deve scoprire, della parola chiave che dischiude i tesori, della fanciulla vestita da maschio, del linguaggio degli animali… La fiaba è una cascata di segreti, non c'è che da tendere il cesto. Bruno Tognolini ne raccolti una ventina per Francesca Amat, che li ha illustrati e figurati; ma poi celati di nuovo con una porticina per ogni tavola, da cui - prima di aprirla e guardare bene tutto - si può spiare solo per dettagli. Perché questo forse è la fiaba: un buco di serratura per guardare da dentro un castello i segreti del mondo. E questo forse sono anche i segreti: dettagli, spiragli, ritagli di realtà, visti per buchi angusti, che spesso non svelano un bel niente ma anzi celano il tutto. E questo forse la fiaba insegna dei segreti: invece che spiare dalla serratura, è meglio aprire la porta.

Le venti tavole realizzate da Francesca erano quasi celate al caos del Festival in un tunnel solitario, a cui un cartello colorato indirizzava. Lì, allineate come finestre smaglianti du due grandi pannelli neri, attendevano enigmatiche i visitatori. Un gruppo di Volontarie "scelte" del Festival (laureande e laureate del Corso di Letteratura per l'Infanzia dell'Università di Cagliari), instruite da Francesca, accoglievano le classi e le famiglie, narravano e dischiudevano i Segreti. Perché erano Segreti da dischiudere, celati da una porta colorata, su cui un piccolo foro tondo, un po' buco della serratura e un po' oblò, traeva in inganno, mostrando un dettaglio che poi, aprendo lo sportello, si rivelava ben altro da ciò che era parso. Le Guida introduceva ai Segreti di Fiaba, apriva ogni porta (solo lei perché il manufatto era fragile), rivelava l'abbaglio, leggeva il frammento di fiaba portatore del Segreto. Ecco una parca selezione di cinque fra le venti tavole che componevano la mostra.


2. IL SEGRETO DELLA SPOSA RAPITA (da "La rana zarina", fiaba russa)
La strega rivelÒ al Principe Ivan il segreto per ritrovare la sua sposa rapita. "La vita della tua sposa – disse – dipende da un ago magico. Quest'ago si trova vicino a una lepre; la lepre si trova in un grande baule; il baule è nascosto nei rami di un'antichissima quercia; e la quercia È vigilata da Kosthei l'Immortale in persona".
A.Buco - B.Porta - C.Apertura - D.Figura


4. IL SEGRETO, LA CHIAVE E IL DIVIETO – BARBABLÙ (da (J. Perrault, "Les Contes de ma mère l’Oye")
Prese dunque la chiave, e tremando come una foglia aprì l'uscio della stanza proibita. Dapprincipio non poté distinguere nulla perché le finestre erano chiuse: ma a poco a poco cominciò a vedere che il pavimento era tutto coperto di sangue accagliato, dove si riflettevano i corpi di parecchie donne morte e attaccate in giro alle pareti.
A.Buco - B.Porta - C.Apertura - D.Figura


7. IL SEGRETO DEL LINGUAGGIO DEGLI ANIMALI (da "Hailibu", fiaba mongola)
Chiedi solo la pietra preziosa che mio padre il re dei Lupi tiene sempre in bocca. Se l'avrai e la terrai in bocca potrai capire il linguaggio di tutti gli animali della terra. Sta' attento però: non dovrai mai raccontare a nessuno quello che tu ascolterai dagli animali, altrimenti il tuo corpo si trasformerà in pietra e morirai!
A.Buco - B.Porta - C.Apertura - D.Figura


9. ILSEGRETO DELL’UCCELLO DI FUOCO (da "L'Uccello di Fuoco e il Principe Ivan", fiaba russa)
Quando il Principe sta per essere pietrificato, si ricorda dell'Uccello di Fuoco e della sua promessa. Prende la piuma magica di fuoco e lo chiama in suo aiuto. L'Uccello accorre e gli rivela il segreto dell'immortalità di Kaschchei: per annientare il mostro occorre distruggere lo scrigno-uovo in cui è racchiusa la sua anima.
A.Buco - B.Porta - C.Apertura - D.Figura


18. IL SEGRETO DELLO SPOSO ANIMALE – IL MARITO CAMMELLO (da "Il marito cammello", fiaba islamica)
"Io sono il figlio del re dei Djin" disse il bellissimo giovane alla principessa, "ma sono stato imprigionato nel corpo di un cammello. Ti farò visita ogni notte se prometti di non svelare il mio segreto. Ma se mancherai alla promessa io sparirò, e non mi vedrai mai più".
A.Buco - B.Porta - C.Apertura - D.Figura

Qui i testi di tutti i venti brani di fiaba selezionati per la mostra.

Alla pagina del Festival 2011
Alla Home Page





Questa pagina è stata creata il 14/10/2011


ARRIVEDERCI